Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Notizie per le imprese

 

Notizie per le imprese

RAPPORTO M&A

È stato presentato a novembre il rapporto “An Overview of the Italian M&A Market Report” per valutare la consistenza, le motivazioni e gli effetti delle operazioni di Mergers & Acquisitions (M&A) realizzate in Italia. Il rapporto, presentato dallo studio legale Hogan Lovells, in collaborazione con il Politecnico di Milano, è disponibile alla sezione dedicata, nella versione inglese del sito.

RAPPORTO ANCE

Il recentemente pubblicato rapporto ANCE rivela un trend di crescita positivo per le imprese di costruzione italiane nel mondo, il cui fatturato ha registrato un incremento del 17,8%, superando i 14 miliardi di Euro. Le imprese italiane all’estero operano in 90 Paesi con commesse per un valore di 90 miliardi di Euro, con un fatturato estero che rappresenta oltre il 70% di quello globale. Le nuove commesse acquisite nel 2016 sono state 244, per un valore complessivo di oltre 20 miliardi di Euro. Dal punto di vista settoriale, risulta predominante il settore delle autostrade (43,2%), quello dell’edilizia non residenziale (37,6%), seguiti da metropolitane (14,6%) ed energia (3,3%). Il ruolo svolto dalla rete diplomatica a livello globale e la collaborazione tra istituzioni e settore privato si sono rivelati fondamentali nel favorire la crescita.

A brochure in English is available here.

 

APPROVATO IL NUOVO ACCORDO SUI TRASPORTI PUBBLICI PER LA CITTA' DI STOCCOLMA

E' stato sottoscritto a Stoccolma il nuovo Accordo sul trasporto pubblico locale e regionale che prevede la costruzione di due nuove linee metropolitane, l'allargamento di una linea tramviaria gia' esistente ed il prolungamento di un tratto della ferrovia cittadina settentrionale per un valore complessivo di 30 miliardi di corone (pari a circa 3 miliardi di euro) di cui il 63% verranno corrisposti dallo Stato svedese. L'Accordo e' stato sottoscritto tra la Commissione governativa sui trasporti e le infrastrutture, il Comune di Stoccolma ed i Comuni limitrofi di Huddinge, Vallentuna, Osterker, Taby e Solna interessati negli ultimi anni da un forte processo di urbanizzazione. L'Accordo prevede inoltre la costruzione entro il 2035 di 100.000 nuove abitazioni la maggior parte delle quali ubicate nelle vicinanze delle nuove infrastrutture per far fronte alla crescente domanda di alloggi che condiziona il mercato del lavoro locale e rappresenta un fattore che rallenta l'espansione economica del Paese. Una novita' ulteriore e' rappresentata dallo stranziamento di 477 milioni di corone (pari a circa 50 milioni di euro) per la costruzione di 30 nuove piste ciclabile progettate intorno alla Capitale con l'obiettivo di collegare anche le zone di difficile accesso e favorendo lo spostamento su due ruote.

Il Sindaco di Stoccolma Karin Wanngård, commentando la firma dell'Accordo, ha precisato che i nuovi progetti saranno finanziati attraverso l'aumento delle tariffe di ingresso in citta' nelle zone presidiate dalle telecamere ZTL ed il rincaro sul costo dei parcheggi pubblici. Le agevolazioni fisciali sull'acquisto e l'utilizzo di vetture elettriche rimarranno invariate, ha dichiarato la Wanngard, e Stoccolma adottera' a breve un piano di azione per sostenere l'utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano, ad esempio offrendo un servizio di manutenzione gratuita in alcuni punti strategici della citta'.

L'Accordo fa parte del Piano nazionale delle infrastrutture e dei trasporti in corso di definizione e nel quale e' ricompresa anche la costruzione di collegamenti ad alta velocita' tra le principali citta' svedesi (la cui entrata in funzione a pieno regime e' prevista nel 2040) e il potenziamento delle reti di trasporto regionale e locale. In aggiunta al Piano nazionale, la Commissione governativa sui trasporti e le infrastrutture presentera' al Governo alla fine di dicembre 2017 un rapporto conclusivo che conterra' indicazioni precise circa i lavori cosidetti secondari (come ad esempio l'ammodernamento della stazioni ferroviarie gia' esistenti) che dovranno essere portati avanti per completare la costruzione delle linee di alta velocita'.

Come gia' evidenziato in precedenza, tale scenario costituisce un'ulteriore opportunita' per le imprese italiane di inserirsi nel mercato svedese, anche in virtu' dei rapporti gia' consolidati con l'Agenzia nazionale per i trasporti (Trafikverket) che coordinera' i lavori per l'esecuzione del Piano nazionale delle infrastrutture e dei trasporti.

 

aggiornato al 10/05/2017


308