Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Investire_Svezia

 

Investire_Svezia



Link utili

INVEST SWEDEN


Employers’ Association CONFEDERATION OF SWEDISH ENTERPRISE (Svenskt Näringsliv)


Swedish Franchise Association (Svenska Franchiseföreningen)


AVVOCATI DI LINGUA ITALIANA

TRADUTTORI AUTORIZZATI (http://www.kammarkollegiet.se)

Link utili per gli esportatori


ICE – SVEZIA


CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA PER LA SVEZIA


CALENDARIO EVENTI FIERA DI STOCCOLMA



Chamber of Commerce


Trade with Sweden


Swedish Association of Agents


 





 

INVESTIRE IN SVEZIA


INVEST SWEDEN è l’agenzia svedese per la promozione degli investimenti esteri in Svezia che offre servizi di consulenza a titolo gratuito alle imprese estere che vogliono investire in Svezia.



IMPRESE E INVESTIMENTI


Dall'adesione della Svezia all’Unione Europea nel 1995 il livello della concorrenza è notevolmente aumentato in molti segmenti di mercato, quali servizi postali, telecomunicazioni, trasporto aereo domestico, l'elettricità e farmacie. La regolamentazione è comunque ancora abbastanza ampia e le pressioni competitive rimangono deboli in alcuni mercati dominati da un piccolo numero di fornitori, come l'energia, l’edilizia, il commercio al dettaglio e il settore bancario.


Alcuni dei problemi che le imprese estere devono affrontare sono spesso determinati dall’accesso alle infrastrutture esistenti a un costo ragionevole, dalla forte concentrazione del mercato. Anche il mercato del lavoro presenta alcune difficoltà: il costo del lavoro è molto alto e le leggi sul lavoro sono piuttosto restrittive con un altro grado di regolazione salariale (concordata tra sindacati e datori di lavoro nel quadro di un tradizionale approccio collaborativo).


Dalla metà degli anni ‘90 la maggior parte degli afflussi di investimenti diretti esteri (IDE) ha avuto origine in Europa. Il settore manifatturiero è il settore dominante per gli IDE in Svezia: la chimica, la farmaceutica e l'ingegneria rappresentano oltre il 45% delle attività di investimenti. Tuttavia, la composizione settoriale degli IDE esteri sta cambiando, in quanto i centri tecnologici svedesi e l'eccellente capacità di ricerca attraggono una quota crescente di investimenti esteri in settori come informatica, elettronica e sviluppo di software, oltre che in quelli dei servizi commerciali e finanziari.


Determinanti nell'attrarre gli investimenti sono in particolare le eccellenti infrastrutture, soprattutto quelle per la Ricerca e Sviluppo, su cui la Svezia spende in proporzione più di ogni altro paese al mondo. La forte base tecnologica, la stretta relazione tra mondo accademico e industria, una forza lavoro altamente istruita, un'economia tradizionalmente forte e stabile contribuiscono ad aumentare l'interesse per la Svezia come base per la ricerca e la produzione, particolarmente per l'industria ad alta tecnologia, ad alta intensità di capitale. Occorre ricordare comunque che il regime fiscale per le società (tassa sulle società 26,3%) è piuttosto favorevole e competitivo rispetto ai livelli di gran parte dell'Europa occidentale .


Le società estere impiegano circa un decimo della forza lavoro, anche se tale numero riflette l'acquisizione di interessi esteri di società svedesi, piuttosto che nuovi posti di lavoro creati da nuove imprese. Gli investitori esteri rappresentano un terzo della spesa per R&S e possono avere pertanto contribuito sensibilmente al ciclo virtuoso del miglioramento della base tecnologica.



FARE AFFARI IN SVEZIA – INFORMAZIONI UTILI



Costituzione di una società a responsabilità limitata (Aktiebolaget-AB)


Costituire una società a responsabilità limitata, o acquisirne una già esistente, è il modo più diffuso per una società estera che decide di svolgere attività d’impresa in Svezia. Il capitale minimo della Società a responsabilità limitata è di 50.000 corone svedesi (SEK) e quello di una società per azioni (Publik Aktiebolaget-AB publ) è di 500.000 SEK.

Costituzione di una filiale (Filial)


La filiale resta parte della società estera e, operando come divisione della società madre, non ha capitale proprio.


La società a responsabilità limitata e la filiale sono soggette a regime fiscale simile, ma godono di benefici fiscali diversi.


Sia la società a responsabilità limitata che la filiale devono essere registrate presso l’Ufficio svedese di registrazione delle imprese (
Bolagsverket) e l’Agenzia delle tasse (Skatteverket). Le banche e le istituzioni finanziarie devono essere autorizzate e registrate presso l’Autorità di Supervisone Finanziaria svedese (Finansinspektionen).


E’ molto semplice l’acquisizione di una società preesistente. Gli azionisti possono risiedere in qualsiasi paese. Tuttavia, l'amministratore delegato e almeno la metà dei membri del consiglio di amministrazione della società svedese acquisita devono essere residenti nello Spazio Economico Europeo.


Commercio


Quello svedese è il maggiore mercato al dettaglio dei Paesi nordici. Ha beneficiato di una crescita stabile per più di un decennio, grazie anche alla crescita del reddito disponibile in Svezia. Gli acquisti dei turisti dei Paesi confinanti (Norvegia, Danimarca e Finlandia) contribuiscono ad accrescere le dimensioni del commercio al dettaglio svedese.

Sono presenti in Svezia circa 130 catene internazionali di vendita al dettaglio, principalmente originarie da altri Paesi scandinavi, Germania e Regno Unito. Il settore del franchising, tuttora dominato da aziende nazionali, ha registrato nell’ultimo decennio una crescita pari al 180%.

APPALTI PUBBLICI


Gli appalti pubblici in Svezia sono regolati dalla relativa legge (Public Procurement Act) in vigore dal 1° gennaio 2008 che recepisce le due direttive europee 2004/17/EC (procedure di appalto degli enti erogatori di acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali) e 2004/18/EC (procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi).


Le Amministrazioni aggiudicatrici sono lo Stato, gli enti pubblici territoriali, gli organismi di diritto pubblico e alcune società partecipate dallo Stato. Non esiste una Centrale di Committenza. Ogni amministrazione cura il proprio procurement affidando il servizio a enti privati, pur restando comunque amministrazione aggiudicatrice che firma il contratto.


Al di sopra di una determinata soglia, gli avvisi di gara delle Amministrazioni sono pubblicati nei siti di alcune società private di procurement e, come previsto dalla normativa UE, nel “
TED” (Tenders Electronic Daily), versione online del "Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea", per gli appalti pubblici europei.

Mentre i Ministeri non pubblicano avvisi di gara anche nei loro siti internet, gli enti locali possono pubblicarli sia nei loro siti che – come detto - in quelli delle società private di procurement e nel TED.





 


109